TORINO 2006 APRE LE PORTE ALLO SLALOMISTA SAMMARINESE MARINO CARDELLI

NEWS

TORINO 2006 APRE LE PORTE ALLO SLALOMISTA SAMMARINESE MARINO CARDELLI

La conferma ufficiale è arrivata il 18 gennaio dal Toroc: lo slalomista sammarinese Marino Cardelli ha ottenuto l’atteso via libera per partecipare ai Giochi Invernali di Torino 2006. La Repubblica di San Marino avrà quindi una propria rappresentanza sportiva al prossimo appuntamento olimpico del 10 febbraio.
L’atleta sammarinese ha guadagnato il biglietto per raggiungere Torino nelle ultime gare di slalom gigante disputati il 14 e 15 gennaio sulle nevi di Claviere: 20 punti che, sottratti ai 159, portano Cardelli a quota 139 nella classifica calcolata a scalare della Federazione Internazionale Sci (la quota minima di sbarramento è fissata in 140 punti). Il risultato è arrivato per Cardelli all’ultima occasione utile per centrare l’obiettivo. Una conquista sofferta a cui è approdato allo scadere del tempo limite a causa di un infortunio, che lo tenuto fuori dalle competizioni per più di un mese. Il diciottenne originario di San Marino, infatti, si è lussato la spalla destra nelle gare di Alleghe a fine novembre. Solo il 4 gennaio è riuscito a interrompere lo stop forzato rientrando sulle nevi di Medesimo, poi le competizioni del 7 e dell’8 gennaio a Ladurs sono state annullate per mancanza di neve. Ma alla fine Cardelli c’è e potrà consegnare il proprio nome alla storia e anche i colori bianco e azzurro della bandiera sammarinese sventoleranno la sera della cerimonia di apertura dei XX Giochi Olimpici INvernali.
“Nel discorso pronunciato durante la cerimonia per l’accensione della fiamma olimpica transitata a San Marino il 12 gennaio – ricorda il presidente del Comitato Olimpico, Angelo Vicini – ho espresso la speranza di tutto il movimento sportivo sammarinese di poter partecipare alle Olimpiadi Invernali non solo idealmente con lo spirito, ma anche agonisticamente. Oggi il nostro auspicio è divenuto realtà. Dopo Gian Matteo Giordani, che partecipò ai Giochi invernali di Salt Lake City, un'altra giovane promessa biancoazzurra continuerà la tradizione olimpica sammarinese”