GRAN PREMIO CINZANO DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI 31 agosto - 2 settembre

NEWS

GRAN PREMIO CINZANO DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI 31 agosto - 2 settembre

Si è svolta il 4 dicembre 2006 al circuito di Misano la presentazione ufficiale della gara del campionato del mondo della MotoGP, il Gran Premio Cinzano di San Marino e della Riviera di Rimini, che si disputerà nel circuito romagnolo nel weekend del 2 settembre 2007. Una pista che per l’appuntamento sarà rivista completamente, a partire dalle lunghezza: da 4.160 i metri diventeranno 4.200 da percorrere in senso contrario su un tracciato composto da 14 curve (9 a destra e 5 a sinistra), 12 i metri di larghezza minima, due i rettilinei in cui si raggiungerà la velocità massima. Secondo gli operatori, il circuito sarà difficile ma con molte possibilità di sorpasso. Verranno movimentati 100mila metri cubi di terra per realizzare gli spazi di fuga, secondo gli standard di sicurezza richiesti, i terrapieni e le nuove tribune per ospitare gli spettatori. Un evento sportivo che si terrà in una terra di motori e di piloti per eccellenza. Loris Capirossi, Alex De Angelis, Andrea Dovizioso, Marco Melandri, Mattia Pasini, Manuel Poggiali, Valentino Rossi, Marco Simoncelli e Roberto Tamburini, sono nati e vivono in questo territorio che conserva nel proprio dna, il culto della pista e della velocità. L’appuntamento con la MotoGP è il frutto di una strategia di marketing territoriale adottata dalla Repubblica di San Marino, dalla Provincia di Rimini e dalla proprietà del circuito che si pone come obiettivo quello di tramutare una manifestazione sportiva di livello internazionale in un prodotto turistico da esportare nel mondo.
“Già da qualche anno – dice Claude Danis, responsabile sicurezza FIM - il circuito di Misano mi aveva interpellato per sapere quali interventi adottare per aumentare la propria sicurezza in funzione di una prova della MotoGP. Più recentemente è arrivata anche la sollecitazione della Repubblica di San Marino, e così il rapporto si è intensificato. In vista dell’organizzazione di una prova della MotoGP la prima indicazione è stata quella di partire invertendo il senso di marcia poi saranno effettuati tutti i lavori necessari per presentare un circuito all’altezza della situazione”.
“Sono contento di questa nuova tappa della MotoGP – commenta Javier Alonso, Direttore Generale Dorna - che ci trova a confrontarci con tre realtà dinamiche e importanti come la Repubblica di San Marino, la Provincia di Rimini e la proprietà del circuito. Siamo in un territorio capace di ospitare tanti appassionati che potranno seguire i beniamini in un luogo di vacanza e quindi dotato di grande ricettività alberghiera”.
“Dopo quattro anni di pressing sulla Dorna e di conseguenza sulla FIM – interviene Paride Andreoli, Ministro per il Turismo e lo Sport della Repubblica di San Marino, finalmente siamo riusciti ad ottenere il Gran Premio qui vicino alla nostra Repubblica. Sarà un grande evento sportivo e l’obiettivo che ci poniamo è quello di far divenire un grande evento internazionale in un prodotto turistico unico da esportare anche all’estero”.
“L’autodromo di Misano - dice Ferdinando Fabbri, Presidente della Provincia di Rimini - si colloca al centro di un territorio denso di passione per i motori, con tanti piloti a livello mondiale. E’ un’area nota a livello mondiale per il suo appeal turistico. Questo grande evento è un’occasione per coinvolgere operatori pubblici e imprenditori privati per farne uno straordinario motivo di attrazione turistica”.
“Abbiamo capito che il campionato mondiale di MotoGP rappresenta per noi un momento di rinnovamento. Operiamo da 36 anni in questo mondo – spiega Mariano Spigarelli, Presidente della Santa Monica Spa - ed era necessario fare investimenti sulla struttura, che stiamo totalmente riprogettando. Al termine dei lavori la pista sarà lunga 4200 metri e con una larghezza minima di 12. L’impegno più importante riguarda la capacità di accogliere tanto pubblico, per il quale stiamo costruendo nuove tribune per supportare 18.000 posti. Il resto lo faranno le aree di prato. In questa occasione presentiamo anche il nuovo marchio aziendale, ‘Misano World Circuit’.
“Dal 2000 – interviene - J.J. Dubau, direttore marketing Cinzano siamo sponsor del mondiale MotoGP, uno dei pochi sport che regala sempre emozioni. Per il 2007 abbineremo alla Catalunja anche quello di San Marino e della Riviera e la cosa ci rende orgogliosi perché questo è un territorio molto dinamico”.
“Per accogliere un gran numero di appassionati – anticipa Antonio Magnani, Sindaco di Misano - stiamo predisponendo un piano di adeguamento della viabilità attuale, oltre ad un piano per garantire il miglior spostamento verso il circuito. Saranno impiegate risorse pubbliche e private per questo”.


GLI INTERVENTI DEI PILOTI
Valentino Rossi da Tavullia:
“La pista è molto bella così nuova. Sarà una pista molto tecnica, con frenate molto difficili per la Moto GP. Nel giro compiuto insieme ai responsabili della sicurezza abbiamo segnalato un paio di interventi da attuare, individuando anche vie di fuga conseguenti. Per me correre qui a casa sarà una grande emozione, su questa pista ho cominciato a correre. Conosco tutti, potrei occuparmi della gestione degli accrediti. Mi sa che dovrò cambiare il numero di cellulare perché non reggerò tutte le chiamate che mi arriveranno”.
Loris Capirossi da Borgo Rivola:
“Noi piloti romagnoli siamo molto contenti che sia stato possibile organizzare una prova del campionato mondiale di MotoGP vicino a casa. E’ una terra dove la passione per il motore è straordinaria e sono certo che sarà un grande successo. La pista è molto migliorata, sarà impegnativa ed appassionante”.
Alex De Angelis da San Marino:
“Correre in casa propria sarà veramente fantastico. Già nel 1999 ebbi la possibilità di scendere in pista con wild card ad Imola ma questa volta è diverso. Potrò contare sull’appoggio della famiglia, dei miei tifosi e con lo sfondo del mio Paese, la Repubblica di San Marino che domina il circuito dall’alto”.
Marco Simoncelli da Coriano di Rimini:
“Non vedo l’ora perché so che l’adrenalina sarà veramente forte. Il Mugello ci carica ma sapere che potrò contare sulla gente di “casa mia” mi gasa a mille. Hanno invertito il senso del circuito e sarà una sorpresa girarmi. Mi auguro solo che il tracciato sia veloce allo stesso modo di quello vecchio”.
Mattia Pasini da Riccione:
“Ho già deciso che arriverò al circuito direttamente in scooter perché in macchina sarà veramente un’impresa. Abito a 7 chilometri dal circuito e sarà inevitabile organizzarsi in questo modo. Qualche giorno prima l’adrenalina salirà al massimo ed è un piacere che la MotoGP arrivi in questa terra che qualche anno fa poteva contare su ben 3 campioni del mondo nello stesso anno”.
Roberto Tamburini da Rimini:
“Sono di Rimini e giocare in casa è davvero emozionante. Sono cresciuto in questo circuito anche se so che dal prossimo anno cambierà tutto. Mi auguro di potermi far valere perché verranno tanti amici a vedermi”.