Giochi del Mediterraneo: Federico Valentini a Mersin per il Meeting del Capo Missione

NEWS

Giochi del Mediterraneo: Federico Valentini a Mersin per il Meeting del Capo Missione

Mancano circa 8 mesi alla diciassettesima edizione dei Giochi del Medieterraneo (in programma a fine giugno 2013) e, nonostante i non pochi imprevisti legati alla rinuncia all'organizzazione da parte di Volos (Grecia), sostituito in corsa da Mersin (Turchia), la macchina organizzativa lavora a pieno regime.
Lo ha constato con i propri occhi Federico Valentini, Segretario Generale della Federazione Sammarinese Pallavolo, che a Mersin ricoprirà il luogo di Capo Missione della delegazione biancazzurra. Insieme ai colleghi degli Stati che si affacciano sul Mar Mediterraneo, lo scorso fine settimana ha preso parte al Meeting dei Capo Missione.
“Un seminario -spiega- per mostrarci lo stato di avanzamento dei lavori che, devo dire, è piuttosto progredito. Subentrare in seguito alla rinuncia di Volos, a circa due anni dall'evento, per loro rappresentava una sfida nella sfida e l'hanno presa con piglio deciso. Ci sono tantissime persone che gravitano attorno alla macchina organizzativa, lavorando in maniera capillare. Del resto si sono candidati per ospitare le Olimpiadi del 2020 e organizzare una bella edizione dei Giochi del Mediterraneo sarebbe sicuramente un buon biglietto da visita”.
Come è stato strutturato il Meeting?
“Il primo giorno è stato interamente dedicato alla visita degli impianti. Li abbiamo visionati più o meno tutti, a parte lo Stadio che ospiterà la Cerimonia d'Apertura. Molti degli impianti sono di nuova costruzione, come quello del tennis, la piscina, l'impianto del volley e lo Stadio. Altri sono stati riconvertiti. Inoltre abbiamo visitato uno dei Villaggi Olimpici. Ne sono stati previsti fino ad 8, di cui tre principali e cinque satellite. Saranno messi in funzione a seconda del numero di atleti partecipanti, che si dovrebbe conoscere nel giro di qualche settimana. La seconda giornata è stata più che altro interlocutoria, una giornata in cui tutti hanno potuto presentare le proprie perplessità. Una cosa che ho potuto appurare, prendendo contatti con l'ufficio stampa, è che sarà possibile utilizzare gratuitamente le immagini trasmesse dalla loro TV di Stato, che le metterà a disposizione di tutti”.
Quali sono le sensazioni per questo nuovo incarico di Capo Missione?
“Quando me lo hanno proposto è stato un misto tra contentezza e stupore. Per me si tratta della prima esperienza da Capo Missione di una delegazione completa. Fino ad ora ho sempre lavorato nell'ambito della pallavolo. E' una sfida nuova e allo stesso tempo stuzzicante. Lo sport è la mia passione, vi si respira un'atmosfera da sempre accattivante. Ai Giochi del Mediterraneo mi troverò a seguire alcuni sport per me nuovi. Le discipline sono tantissime. Dal punto di vista personale le cose da capire sono tante”.
Entro la primavera sarà definito l'organico della spedizione sammarinese.