NUOTO - Centro federale: il ct Maurizio Coconi è soddisfatti dei primi 5 mesi di lavoro

FEDERAZIONI

NUOTO - Centro federale: il ct Maurizio Coconi è soddisfatti dei primi 5 mesi di lavoro

Sedici ori, nove argenti, sette bronzi: è il bottino conquistato dagli atleti del centro federale alle recenti finali dei Campionati Regionali. Risultati che testimoniano la bontà del lavoro portato avanti insieme al commissario tecnico Maurizio Coconi, arrivato a San Marino lo scorso ottobre. Cinque mesi di intensi allenamenti nella piscina del Multieventi che hanno visto, e vedono tuttora, impegnati 16 atleti. Il progetto federale inizia a dare i suoi primi frutti e le medaglie a cui abbiamo fatto riferimento ne sono la dimostrazione lampante.
“La medaglia non è altro che la dimostrazione di un aumento di competitività –spiega Coconi-. Il primo obiettivo che mi sono posto arrivando a San Marino è quello di contribuire ad una crescita del livello tecnico di questi ragazzi, rendendo sempre più possibile un confronto con i loro migliori coetanei. Non bisogna mai porsi dei limiti verso il basso. Queste medaglie stanno a significare che una prima crescita c’è stata. Rispetto alla passata stagione quasi tutti gli atleti hanno migliorato i loro personali, il che significa che hanno assimilato bene il lavoro proposto. I ragazzi sono stati bravi a seguire la mia filosofia, anche se all’inizio hanno fatto un po’ fatica, essendo cambiata la metodologia di lavoro. Adesso dobbiamo procedere sulla stessa strada”.
In particolare il CT pone l’accento sui progressi delle staffette.
“Sono convinto che siano l’espressione dello spessore di una società –prosegue Coconi-. Noi siamo messi bene con le staffette femminili, in particolare la 4X200, con la quale alle finali regionali abbiamo centrato l’argento, lottando fino all’ultimo per la vittoria, anche senza una delle nostre migliori atlete. Le due staffette femminili, che avevano già ottenuto le medaglie in Islanda, stanno proseguendo nella loro crescita. Mi auguro che ci sia una crescita anche nel settore maschile, nonostante i numeri siano più ristretti. Sono molto fiducioso”.
Il calendario del nuoto biancazzurro è scandito ora da una serie di importanti avvenimenti.
Il 18 e 19 marzo una selezione di ragazzi parteciperà alla 2° tappa del Gran Prix d’inverno a Milano (secondo test del 2016 in vasca lunga).
“Dal 1° al 6 aprile –spiega il ct- ci saranno i Campionati Giovanili Italiani in vasca corta a Riccione, ai quali abbiamo qualificato otto ragazzi, in 24 finali. Ma potrebbe aggiungersi ancora qualche ragazzo, dal momento che in programma c’è ancora l’appuntamento del 13 marzo, a Forlì, ultima data utile per la qualificazione. All’orizzonte, poi, ci sono anche gli Italiani Assoluti in vasca lunga e gli Europei a Londra, due appuntamenti che sono sicuramente importanti in vista dei Giochi dei Piccoli Stati del prossimo anno, l’evento a cui è finalizzato tutto il nostro lavoro”.
Il bilancio di questi primi cinque mesi alla guida del centro federale, in conclusione, è positivo per Coconi.
“Il bilancio è sicuramente positivo – conclude-, anche perché qui a San Marino ho trovato un gruppo di persone a mio modo di vedere ideale per consentire lo sviluppo del movimento. Mi riferisco al mio assistente Andrea Bartolini, una persona molto disponibile e motivata, il fisioterapista Andrea Barberini, la nutrizionista Silvia Belli, il mio dirigente federale di riferimento, Alfio Pasolini, il coordinatore Bruno Gennari e, soprattutto, il presidente Giuseppe Nicolini, che mi ha sempre incoraggiato e messo a mio agio nel lavoro quotidiano”.