SCI - Mondiali: Mariotti cade nella prima manche, ma la soddisfazione è tanta

FEDERAZIONI

SCI - Mondiali: Mariotti cade nella prima manche, ma la soddisfazione è tanta

Si è conclusa purtroppo con una caduta nella parte alta della pista della prima manche, la prova di Alessandro Mariotti ai Mondiali di sci in Colorado. Il giovane sammarinese, appena sedicenne, ha conquistato sabato sera un’insperata qualificazione alla finale di slalom speciale che si è tenuta ieri sera, nella quale era il più giovane atleta al via. Come era già successo in precedenza per Vincenzo Michelotti, al via della finale di slalom gigante, Mariotti, partito con il pettorale numero 100, è però incappato in una caduta nella parte alta della difficile pista di Beaver Creek (solo 57 su 100 hanno tagliato il traguardo nella prima manche), non potendo accedere ad una seconda manche che era ormai certa. Il rammarico, però, non è più grande della soddisfazione di essere riusciti in questa impresa.
“La soddisfazione è tanta –ammette il capo delegazione Giacomo Dolcini, vice presidente della Federazione Sammarinese Sport Invernali-. A differenza dello slalom gigante, dove eravamo fiduciosi di poter entrare in finale con Vincenzo Michelotti, grazie al suo buon punteggio FIS, l’accesso nella finale di slalom speciale era del tutto insperato. Alessandro è stato bravissimo, confermando l’ottimo stato di forma già evidenziato al Festival Olimpico della Gioventù Europea. Peccato non sia riuscito ad arrivare al traguardo e a partecipare alla seconda manche, ma continueremo a provarci”.