SIGLATO L’ACCORDO TRA I COMITATI OLIMPICI DI SAN MARINO E ITALIA

NEWS

SIGLATO L’ACCORDO TRA I COMITATI OLIMPICI DI SAN MARINO E ITALIA

IL PRESIDENTE VICINI “PER LA PRIMA VOLTA L’ACCORDO PREVEDE UNA COLLABORAZIONE RECIPROCA”
PETRUCCI “UNA RICONOSCENZA CHE VOGLIO ESTENDERE A TUTTO LO SPORT ITALIANO, RINGRAZIO MARIO PESCANTE, A LUI DEVO TUTTO”.

La firma del nuovo protocollo d’intesa Coni-Cons ha aperto questa mattina la giornata di celebrazioni dei Cinquant’anni del Comitato Olimpico di San Marino. I Presidenti del Cons, Angelo Vicini, e del Coni, Giovanni Petrucci, con i Segretari generali Fabrizio Stacchini e Raffaele Pagnozzi, nella sala Libertas-Palazzo Kursaal, hanno siglato l’accordo che contribuirà a rafforzare i rapporti di collaborazione tra le due organizzazioni. Il primo accordo fu sottoscritto nel 1982 e in seguito rinnovato nel 1989, in occasione dei trent’anni dalla fondazione del Cons.
Il Coni, attraverso Coni Servizi, fornirà allo sport sammarinese le consulenze professionali di esperti italiani nel settore tecnico, sportivo, medico, giuridico e antidoping, e le strutture della Scuola dello Sport. Favorirà inoltre il riconoscimento dei titoli di abilitazione per tecnici rilasciati da Federazioni Sportive Sammarinesi, e sosterrà la partecipazione di una delegazione sportiva sammarinese ai Giochi sportivi studenteschi di primo e secondo grado.

“L’accordo contribuirà a favorire la crescita dell’attività sportiva nel nostro Paese – ha commentato il Presiedente Vicini -, le professionalità del Coni sosterranno lo sviluppo dei nostri dirigenti e dei tecnici, forniranno assistenza nell’antidoping, e potremo utilizzare strutture specializzate per i nostri atleti d’elite”. Per la prima volta l’accordo prevede una collaborazione reciproca “il Cons non solo prenderà come in passato, ma a sua volta metterà a disposizione delle Federazioni italiane gli impianti sul territorio; si potranno valutare ipotesi di candidature congiunte Italia-San Marino come sedi ospitanti in occasione di eventi sportivi internazionali, come nel caso dei Giochi del Mediterraneo, oppure la possibilità di candidare ex dirigenti italiani a rappresentare le nostre Federazioni a livello internazionale”.
Confermati i precedenti accordi, che permettono, tra le altre cose, la partecipazione ad atleti sammarinesi a gare italiane con pari diritto “tanto che nel baseball San Marino – aggiunge Vicini – ha vinto lo scudetto nel Campionato italiano 2008. Mi auguro che questo accordo offra nuovi stimoli ai dirigenti per continuare a migliorare lo sport sammarinese”.

PETRUCCI. “Esiste un rapporto personale di amicizia che mi lega con i vertici del Cons – ha dichiarato il Presidente Petrucci - non hanno mai fatto venire meno la loro vicinanza allo sport italiano. Condividiamo le stesse emozioni e la stessa cultura, anche le ultime Olimpiadi di Pechino le abbiamo vissute insieme, anche io ho tifato affinché San Marino vincesse la sua prima medaglia nel tiro a volo. Il mio primo incarico dirigenziale è stato proprio nella Federazione italiana di tiro (1977), e conosco i bene i progressi che San Marino ha fatto in questa disciplina”.

A seguire a Palazzo Pubblico il Presidente Petrucci è stato insignito dell’alta onorificenza di Commendatore dell’Ordine Equestre di Sant’Agata, consegnatagli dal Segretario di Stato allo Sport, Fabio Berardi, alla presenza degli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Assunta Meloni ed Ernesto Benedettini, come riconoscimento dell’impegno speso nel collaborare allo sviluppo dello sport sammarinese e dimostrazione dell’amicizia che da sempre lega i due Comitati Olimpici.

“San Marino vuole suggellare la stima a un grande protagonista del mondo dello sport – spiega Berardi - e ringraziarlo per aver contribuito in maniera rilevante a garantire e preservare il prezioso rapporto che da sempre esiste tra lo sport sammarinese e quello italiano, permettendo ai nostri atleti di misurarsi con il notevole livello dei nostri vicini di casa”.

PETRUCCI. “La riconoscenza è sì personale, ma la voglio estendere a tutto lo sport italiano” ha detto Petrucci. “Il mio ringraziamento va a Mario Pescante (Membro Cio), attualmente il rappresentate italiano a livello più alto nel mondo, a lui devo tutto, ero giovanissimo quando sono entrato nella sua Segreteria, (quando Petrucci iniziò nella Federazione Tito a Volo Pescante era Segretario Generale del Coni, e successivamente ne divenne il Presidente, ndr)”.