I 200 FARFALLA DI SIMONA MUCCIOLI AI MONDIALI DI MELBOURNE

NEWS

I 200 FARFALLA DI SIMONA MUCCIOLI AI MONDIALI DI MELBOURNE

Anche Simona Muccioli ha avuto il suo momento di celebrità. Questa notte ha gareggiato nei 200 metri farfalla, la sua prima gara a questi Mondiali di Melbourne. Comprensibilmente emozionata ha concluso con il tempo di 2.24.47, pagando un po’ la tensione dell’esordio, arrivando 42esima su 54 partiti. Con questa prestazione la Muccioli ha comunque vinto la propria batteria (foto 2), guadagnandosi parecchi primi piani e il plauso dei molti tecnici presenti.
Gli accompagnatori dell’appuntamento mondiale, il Presidente FSN Giuseppe Nicolini, il Capo Missione Bruno Gennari e l’allenatore Vania Panichi, oltre a supportare il duo di punta rappresentativo del nuoto di San Marino, ieri a Melbourne hanno partecipato al Congresso della Confederazione Latina di Nuoto (Colan) dedicato alla Coppa Latina, che si svolgerà a San Marino nell’aprile 2008: per la prima volta in questa edizione sammarinese verranno svolte, oltre alle gare di nuoto, anche quelle di nuoto sincronizzato.
“Abbiamo constatato che San Marino gode di molta considerazione – commenta Bruno Gennari - speriamo di non venire a meno all'impressione che abbiamo dato. Per la riuscita di questo grande appuntamento sarà necessario un largo coinvolgimento delle Istituzioni sammarinesi, del CONS, della Segreterie di Stato, degli Uffici statali, banche e altri soggetti privati”.

È terminata l'avventura mondiale di Simona Muccioli con gli 800 metri stile libero del 30 marzo. Partita molto determinata ha ottenuto dei buoni passaggi fino a metà gara, mentendosi in linea con le prime
nuotatrici. Ha poi perso terreno nella seconda metà della competizione registrando tempi al di sotto delle sue potenzialità. Il cronometro alla fine si è fermato su 9’29” e 20, un valore che fa scivolare la Muccioli al 39° posto su 49 atlete alla partenza. Sicuramente una degna posizione in classifica generale, in cui San Marino è stato ben rappresentato. “Anche se ci aspettavamo una migliore prestazione cronometrica dell'atleta - commenta l’allenatrice Vania Panichi –, i tempi in allenamento pregara facevano presagire qualcosa di meglio, comunque riteniamo che ci possano essere buoni margini di miglioramento per il prossimo futuro”. Prossimo futuro che è rappresentato dai Giochi dei Piccoli Stati d’Europa a Monaco.