Il Saluto di Gian Primo Giardi al mondo dello sport sammarinese

NEWS

Il Saluto di Gian Primo Giardi al mondo dello sport sammarinese

Le parole del Presidente del CONS per Sportinsieme

Eccellenze,
Onorevoli Segretari di Stato, Marco Podeschi, Simone Celli, Andrea Zafferani;
Autorità Istituzionali, Militari e Sportive
Illustri Ospiti,
Amici sportivi,

Buonasera e benvenuti a SportinsiemeAwards,

a nome mio personale e del Comitato Esecutivo rivolgo anzitutto un caloroso saluto agli Eccellentissimi Capitani Reggenti, la più alta istituzione della Repubblica che sentitamente ringrazio per la considerazione che riserva costantemente al movimento sportivo, con la sua partecipazione.
Un caloroso saluto alle Autorità, agli illustri ospiti, agli sponsor ed agli sportivi presenti in questa cornice suggestiva …. suggestiva per il fascino del Teatro che ci ospita, ma soprattutto per quello che celebreremo questa sera. Celebreremo lo sport sammarinese, lo celebreremo insieme, ed insieme lo premieremo, daremo il primo virtuale award a questo nostro prezioso compagno di vita, lo sport.

Siamo al termine del quadriennio olimpico e, quasi, non ci siamo accorti che è trascorso. Per noi, penso di condividere il pensiero dei colleghi dell’Esecutivo, è stata un’avventura intensa e vissuta sulle ali dell’entusiasmo, tanto da farci sembrare la maratona, una gara di mezzofondo. Oltre alla normale gestione corrente, hanno contribuito ad arricchire la nostra esperienza ed a regalarci forti emozioni le numerose attività straordinarie. …. Penso, in particolare, all’avviamento della macchina organizzativa dei Giochi dei Piccoli Stati, alla rivisitazione della disciplina dell’attività sportiva ed all’intensità degli appuntamenti agonistici con un calendario reso ancor più fitto dalla partecipazione a due nuove manifestazioni internazionali, come i Mediterranean Beach Games e i Giochi Europei.
Un breve inciso sul lavoro svolto. La recessione economica non ha ancora terminato il suo ciclo nel nostro Paese, ha condizionato il programma di politica sportiva, ha determinato rilevanti contrazioni ai contributi statali, nella misura di circa il 25% rispetto all’analoga fase del precedente quadriennio. Grazie ad una costante razionalizzazione delle risorse, possiamo però presentarci con importanti obiettivi raggiunti:
1) l’aver mantenuto sostanzialmente inalterato il supporto finanziario alle federazioni;
2) l’aver messo a disposizione degli sportivi e delle Federazioni nuovi impianti, nuove strutture, e l’averne recuperate altre ormai logore, in partnership con le federazioni, con le realtà istituzionali e con quelle private in una virtuale joint venture di sistema che ci permetterà di presentare la nostra Nazione agli occhi del mondo al meglio delle sue possibilità in occasione dei Giochi ormai alle porte;
3) dell’adeguamento legislativo della disciplina dell’attività sportiva ho già detto, desidero solo sottolineare che è un obiettivo perseguito da tempo, che l’esecutivo e l’intero movimento sportivo ha ora raggiunto dopo aver profuso un rilevante impegno. Ora, lo sport sammarinese ha una struttura più forte e pronta alle sfide del futuro. Il percorso prevede ora lo sviluppo degli indirizzi contenuti nella Legge, e mi piace citare, al riguardo, la valorizzazione degli atleti all’interno degli organismi del Comitato Olimpico e la parte dispositiva riguardante i rapporti Sport e Scuola;
4) l’aver esteso il supporto alle federazioni, focalizzando i progetti di sviluppo sportivo sugli atleti e sui settori tecnici, pubblicizzando l’attività delle federazioni ed innovando le manifestazioni di promozione sportiva CONS, formando i quadri tecnici, ed adeguando il nuovo codice antidoping della Wada nel medesimo contesto in cui abbiamo creato il nuovo organismo deputato in materia (NADO), e rafforzato prevenzione e controllo.

Le partite ancora aperte, ma che offriamo al nuovo esecutivo in una fase di studio già avanzata, sono la creazione di aree verdi e il collegamento dei parchi limitrofi al centro sportivo di Serravalle e il progetto Scuola, Sport e Salute per una maggiore interazione con la scuola, che potrà solo beneficiare della sinergia che può offrire la nuova Segreteria di Stato competente con delega sia allo sport, sia alla Pubblica Istruzione. Il futuro governo dello sport, unitamente alle Federazioni affiliate, sarà chiamato a fare scelte strategiche che imporranno anche una rivisitazione della struttura CONS, a maggior ragione qualora dovessero ulteriormente ridursi le devoluzioni pubbliche.

L’ultimo anno del quadriennio, il 2016, ha visto 5 atleti coronare il sogno Olimpico. Pregevoli risultati sono arrivati dallo sci alpino, con Alessandro Mariotti, che ai Giochi Olimpici giovanili invernali di Lillehammer, si è lasciato alle spalle la metà dei concorrenti al via, e, a distanza di 12 mesi, nonostante le difficoltà logistiche che questa disciplina comporta e gli impegni scolastici, ha già conseguito i minimi di partecipazione alle prossime Olimpiadi di PyeonChang.

Dai Giochi della XXXI Olimpiade di Rio de Janeiro, i nostri atleti hanno portato a casa tanta esperienza al massimo livello mondiale; pur senza i risultati che i più ottimisti auspicavano, mi piace pensare alle prestazioni di Rio 2016 con vista Tokyo 2020, dove i portacolori sammarinesi potranno fare tesoro dell’importante confronto olimpico a cui hanno partecipato.
Il caso di doping che ha coinvolto un atleta selezionato, ha ulteriormente rafforzato il nostro impegno a tutela dello sport pulito, quanto successo deve potenziare le campagne d’informazione sulla salute e sulle sostanze dopanti ad atleti e staff tecnico-dirigenziali, già sviluppati durante questo quadriennio, al fine di prevenire casi analoghi che, anche in buona fede, possono gettare discredito su un movimento sportivo meritevole, invece, di essere apprezzato per lealtà e rispetto delle regole.

Tra 100 giorni si alzerà il sipario sulla XVII edizione dei Giochi dei Piccoli Stati, sarà il terzo capitolo della storia sportiva dei Giochi a San Marino, apriremo una finestra ai nostri ospiti, sarà il momento per il nostro paese di meravigliare le Autorità internazionali e i rappresentanti dei paesi partecipanti. A questo proposito è qui con noi il regista della Cerimonia d’Apertura, Vittorio Picconi, che, sono certo, saprà farci emozionare com’è accaduto nel 2001. Come allora, pur essendo un contesto completamente diverso, sta crescendo il clima di attesa e il sostegno del paese, un’occasione per appassionare i giovani, coinvolgere la cittadinanza tutta, e rinnovare l’orgoglio nazionale. Un plauso va ai componenti del Comitato Organizzatore che da oltre 3 anni lavorano instancabilmente con impegno alla predisposizione della manifestazione sportiva e che più tardi avremo modo di ascoltare.
Questa sera, inoltre, avremo l’onore di presentare a questa prestigiosa platea i ragazzi delle scuole medie sammarinesi che hanno COLLABORATO PER IL BOZZETTO DELLE MEDAGLIE.

Nel complimentarmi fin da ora con tutti gli sportivi che hanno ottenuto il merito e il successo nell’anno 2016 e che avremo l’occasione di applaudire nel corso della serata, desidero esprimere il più cordiale benvenuto a San Marino a un campione di tennis, Corrado Barazzutti.

Un grande atleta, vincitore di una coppa davis e tra i primi 10 al mondo nel 1978, un grande allenatore, che ha saputo mettere a frutto la sua esperienza e capacità al servizio della nazionale italiana, conquistando 4 Fed Cup con la rappresentativa femminile. Ringrazio Corrado di essere qui, so che collabora con la nostra Federazione, questo mi fa molto piacere, ritengo sia una preziosa risorsa per il movimento tennistico sammarinese e per i nostri atleti che si stanno preparando per i Giochi.
Stante la mia disponibilità a portare avanti le responsabilità delle sfide che ci attendono, a conclusione di un intenso quadriennio olimpico, desidero ringraziare tutti coloro che, a vario titolo, hanno collaborato a questa appassionante avventura, a cominciare dai Segretari di Stato allo Sport che nel tempo si sono avvicendati, Matteo Fiorini e Teodoro Lonfernini, i colleghi del C.E., i membri del C.N., atleti, tecnici, dirigenti, e personale CONS. E’ stato per me un onore, un grande privilegio!
Da alcune settimane si sono insediati i nuovi consigli federali delle 32 federazioni, rivolgo a tutti un augurio di proficuo lavoro ed un benvenuto ai Presidenti e dirigenti che si affacciano per la prima volta nei rispettivi incarichi.

Concludo, rivolgendo a nome del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese rinnovati ringraziamenti alle Loro Eccellenze per la partecipazione a questo evento, al neo Segretario di Stato all’Istruzione e allo Sport, Marco Podeschi, per la disponibilità e la pronta collaborazione offerta nell’organizzazione dei Giochi.
L’ultimo pensiero, ma non meno importante, va ai nostri atleti, a voi i migliori auspici di un 2017 denso di successi.

Consentitemi di terminare il mio intervento con 2 citazioni:
- Non potrai mai fare nulla in questo mondo senza coraggio. E’ la più grande qualità della mente assieme all’onore. – Aristotele
- Con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati. – Michael Jordan
E noi vogliamo essere coraggiosi! e lavorare di squadra!
Grazie per l’attenzione e buon proseguimento di serata.
Gian Primo Giardi