SAN MARINO 2017 - Scelto il logo, è opera di Stefania Borasca e Matteo Sammarini.

NEWS

SAN MARINO 2017 - Scelto il logo, è opera di Stefania Borasca e Matteo Sammarini.

Il Comitato Organizzatore dei Giochi dei Piccoli Stati 2017 ha scelto il logo dell’evento che la Repubblica di San Marino ospiterà tra 900 giorni fra gli oltre 150 elaborati grafici che sono stati consegnati per il concorso “Crea il logo di San Marino 2017”.
Gli elaborati, come da bando, sono stati valutati tenendo conto della facile comprensione del tema, della riproducibilità e dell’impatto comunicativo, della caratterizzazione sammarinese, dell’originalità e della fantasia, dell’aspetto prettamente sportivo e ovviamente del legame con gli elementi relativi ai Giochi dei Piccoli Stati, allo sport, ai Piccoli Stati stessi e alla tradizione.
Al termine delle selezioni il logotipo vincitore è quello realizzato da Stefania Borasca e Matteo Sammarini.
Stefania Borasca, studentessa piemontese classe 1991 è iscritta al Corso di Laurea in Design dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino (si laureerà proprio domani, ndr), diplomata al Liceo Artistico Mengaroni ha studiato ad Oxford nel 2009 dopo aver vinto una borsa di studio, nel 2012 si piazzò al terzo posto in un concorso indetto a Pesaro per la realizzazione del logo di un’attività promozionale legata allo studio. Vive a Gabicce Mare ma ha già svolto numerose ore di tirocinio presso studi grafici milanesi.
Matteo Sammarini, classe 1987 è invece sammarinese, vive a Borgo Maggiore ed è laureando in ingegneria a Bologna dopo aver conseguito la maturità scientifica a San Marino. Ha alle spalle alcune esperienze lavorative (stage) in ambienti tecnici e la partecipazione a workshop legati ai suoi studi.
Per scoprire quali siano i tratti distintivi che hanno fatto propendere la scelta verso il logo creato da Stefania Borasca e Matteo Sammarini bisognerà però attendere fino al prossimo 23 gennaio quando, durante Sportinsieme Awards 2015 verranno tolti i veli all’elaborato. Il bozzetto finale, opportunamente modificato secondo gli adattamenti previsti dal CIO e dall’organizzazione dei Giochi dei Piccoli Stati d’Europa sarà esposto, unitamente alle altre opere che hanno partecipato al bando di concorso, nel ridotto del Teatro Titano. Ai vincitori sono andati 4000 euro.