La squadra sammarinese è a Nainjing

NEWS

La squadra sammarinese è a Nainjing

La delegazione del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese per i Giochi Olimpici Giovanili di Nanchino ha raggiunto il villaggio Olimpico della città cinese. I nuotatori Elena Giovannini e Davide Bernardi e la tiratrice Agata Alina Riccardi che compongono la squadra, assieme al Capo Missione e Segretario Generale Eros Bologna e agli ufficiali di squadra Bruno Gennari e Pasquale Raschi hanno preso possesso delle loro camere e dopo un giorno di riposo seguente il lungo viaggio si sono fiondati negli impianti che ospitano le competizioni per gli allenamenti pre gara. Agata Alina Riccardi con Pasquale Raschi è partita all’alba per raggiungere il poligono che dista un’ora e mezzo di auto dal villaggio mentre i nuotatori si sono spostati in piscina attorno alle 9 del mattino.
Domani sera 15 agosto all’interno del villaggio tutti gli atleti di tutte le nazioni seguiranno la Welcome Ceremony di rito mentre il 16 agosto alle 20.30 la tradizionale Cerimonia d’Apertura (Portabandiera sarà Elena Giovannini) darà il via all’evento voluto dall’ex Presidente del CIO Rogge, poi dal giorno seguente spazio alle gare. Davide Bernardi sarà in vasca il 19 agosto per i 50 metri dorso e per i 50 metri stile libero mentre Elena Giovannini il 20 agosto affronterà la gara dei 200 metri stile libero e il 22 quella dei 400 metri stile libero. Agata Alina Riccardi gareggerà nella Carabina aria compressa da 10 metri il 19 agosto dalle 9 del mattino. Il 28 agosto la Cerimonia di Chiusura.

Eros Bologna (Seg.Generale CONS e Capo Missione YOG 2014): “Il viaggio è andato bene, tutto come programmato, siamo stanchi ma avremo tempo per recuperare ed essere pronti per le competizioni. Peccato per il meteo, la pioggia non lascia tregua e le previsioni sono disastrose. Speriamo solo si possa vivere seranamente la Opening Ceremony. Stiamo cercando di risolvere i problemi con le connessioni e quelli legati ai trasporti verso gli impianti, qualche giorno e saramo a pieno regime. I ragazzi sono sereni, abbiamo scelto di dargli immediatamente la possibilità di allenarsi per prendere confidenza con il clima, gli orari e gli impianti”.