Con Stacchini se ne va un pezzo di storia dello sport sammarinese

NEWS

Con Stacchini se ne va un pezzo di storia dello sport sammarinese

Ventiquattro anni passati negli uffici del CONS, vedendo crescere giorno dopo giorno lo sport sammarinese, per il quale ha lottato e ottenuto in prima persona conquiste importanti. Fabrizio Stacchini lascia un vuoto difficilmente colmabile per tutti coloro che hanno lavorato con lui fianco a fianco e, più in generale, per tutto il movimento sportivo biancazzurro.
Ci ha lasciati nel tardo pomeriggio di ieri, a soli 65 anni, al termine di una sofferta malattia. Lo sport sammarinese perde un pezzo di storia importante. Stacchini aveva ricoperto il ruolo di Segretario Generale del CONS per sei mandati consecutivi, dal 1985 al 2009, affiancando tre Presidenti: Domenico Bruschi, primo Presidente eletto dalle Federazioni sportive, Giovanni Vito Marcucci dal 1991 e, dal 1997, Angelo Vicini. E’ stato membro del Comitato Organizzatore dei Giochi dei Piccoli Stati che si sono svolti sul Titano, sia nella prima storica edizione del 1985, sia in quella memorabile del 2001.
E’ stato Capo Missione della delegazione biancazzurra ai Giochi del Mediterraneo di Lattakia (Siria) nel 1987 e di Atene nel 1991. Il 14 giugno 1993, insieme all’allora Presidente Giovanni Vito Marcucci, prese parte al congresso che anticipò l’inizio dei Giochi del Mediterraneo di Languedoc-Roussillon in Francia, durante il quale il Cons divenne, per acclamazione, membro effettivo del Cijm (Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterrano). Stacchini entrò di seguito a far parte della Commissione Cooperazione e Sviluppo del Cijm. E’ stato inoltre membro dell’Associazione Internazionale Stampa Sportiva.
Nei suoi 24 anni di servizio, la struttura del CONS è cambiata notevolmente, fino a divenire quella che tutti conosciamo.
A lui si devono iniziative importanti, che hanno contribuito a diffondere la cultura sportiva a San Marino, e conquiste altrettanto preziose, quali l’attuale Legge sullo Sport, i Protocolli d’Intesa Cons-Coni e gli accordi con le Scuole.
Insieme all’allora Presidente Angelo Vicini ha fondato il Museo dello Sport e dell’Olimpismo. Ha inoltre diretto, dal 1985 al 2009, la rivista Panorama Sport, alla quale era particolarmente legato.
Per il Comitato Esecutivo e per tutto il personale del CONS, oltre ad un dirigente capace e appassionato, se ne va un amico, che ha saputo conquistare tutti con la sua grande simpatia.
I funerali saranno celebrati venerdì nella Chiesa di Murata, con partenza dall’Ospedale di Stato alle 15.